Il Mozzo fu una delle prime pizzerie/ristorante alla moda, della fine anni 70.

Agli inizi degli anni 80 il Mozzo fu uno dei più rinomati ristoranti con pizza di tutta Milano, grazie anche all’apporto di soci preparati e professionisti del settore.

Cardelli Costantino, noto ristoratore ed imprenditore Toscano, piu precisamente di un piccolo paese della Valdinievole, Ponte Buggianese, fondatore già della famosa trattoria da “Lucia” aperta nel 1967, tra il 1973/74 decide di intraprendere una strada diversa da quella della solita trattoria toscana.

Con l’aiuto della moglie, sorella e cognato iniziano questa nuova avventura che li porterà a dare vita ad una nuova tipologia di locale, pur mantenendo i connotati di un ristorante, viene inserito un forno a legna per le pizze.

L’architetto che progettò il mozzo fu proprio lui, Costantino,  che capì con largo anticipo che i tempi sarebbero cambiati e la gente aveva voglia di qualcosa di nuovo, qualcosa che doveva essere allo stesso tempo elegante ma informale.

la zona fiera, denominata cosi perche una volta tutte le fiere più importanti tra cui la campionaria, si teneva proprio vicino a via Marghera, una volta non era cosi popolata di locali, quindi dopo una parentesi tra il 2003 ed il 2010, periodo in cui il mozzo venne trasformato in Bonaccia, Cardelli sentì il bisogno e forse anche la nostalgia di voler rifare il look del locale riportandolo ad assumere i connotati, questa volta più eleganti, del nuovo “Mozzo di via Marghera”.

Oggi, scegliere il Ristorante al Mozzo di via Marghera non vuol dire solo mangiare dell’ottimo pesce, come si intuisce dal nome. Entrare al Mozzo è come entrare in una vascello in legno antico, realizzato da maestri d’ascia esperti, avvolti tra pezzi unici d’arte marinara e acquari incastonati nelle pareti. Un piccolo museo del mare in cui si vive una vera e propria esperienza culinaria a base di pesce, sempre fresco e principalmente pescato nei mari italiani. All’ingresso, l’attenzione degli ospiti è subito rivolta al banco del pesce da premio oscar con il pescato del giorno. Conquistati da questa accoglienza straordinaria e dalla cordialità dei nostri direttori, si sceglie il pesce desiderato e si decide insieme allo chef come cucinarlo in base ai propri gusti, secondo ricette della cucina tipica mediterranea o seguendo le nuove tendenze culinarie.

Il Pesce viene pescato nei mari nazionali sempre fresco e di alta qualità. Viene cucinato e servito secondo le ricette classiche mediterranee o proposto crudo. Passate dal ristorante al Mozzo per degustare “le 3 tartare” un piatto speciale di pesce crudo tonno, ricciola e salmone preparati con salse d’accompagnamento alla siciliana, al guacamole e al pesto di rucola.

Pur non essendo un locale di carne, é comunque di ottima qualità bovina, la Fiorentina servita con toscanelli caldi, la Costata di manzo all’antica, le Tagliate ed i Filetti e la Chateaubriand preparata secondo la ricetta originale.

Le Pizze, vengono preparate da un pizzaiolo esperto, farine selezionate e cottura nel forno a legna, questi gli ingredienti base per una pizza a pranzo o cena tra amici, sorseggiando un’ottima birra artigianale.

Il pesce a Milano è una faccenda seria: dato che Milano dista parecchio dal mare, occorre stare molto attenti quando si sceglie un ristorante di pesce. Con il ristorante Al Mozzo di via Marghera (nel quartiere Fiera Milano City) andrete sul sicuro perché i tanti anni di esperienza sono una garanzia di fedeltà assoluta agli ideali di freschezza e qualità. L’ambiente raccolto e intimo di questo locale costituisce la cornice perfetta per gustare una cucina tanto variegata quanto saporita.

Il ristornate è aperto fino alla 01:00 per offrire il servizio di ristorazione post teatro, essendo a pochi passi dallo storico Teatro Nazionale. Il personale del ristorante Al Mozzo è qualificato, attento e discreto, le lingue parlate sono Inglese, Francese, Arabo e Tedesco.

Dopo oltre 40 anni il ristorante Al Mozzo è ancora pronto a stupire.